La depilazione laser

Written by: admin Date of published: . Posted in bellezza, benessere, cura del corpo, estetica, salute

Quali sono i rischi e le controindicazioni della depilazione laser?
In realtà grossi rischi e controindicazioni non ce ne sono nella pratica della depilazione con il laser. Tuttavia, è importante conoscere qualche dettaglio che spesso viene ignorato, vanificando così la possibilità di una pelle liscia e senza peli per molto tempo. Se è vero che negli ultimi anni è diventata di gran moda, questa nuova tecnologia in grado di eliminare i peli superflui, anche se spesso li promette, non garantisce risultati miracolosi.

Come funziona?
Nella depilazione laser, il pelo non viene strappato come avviene nella classica ceretta, ma il follicolo, cioè la radice del pelo, viene distrutto dall’azione del laser. La sua lunghezza d’onda, infatti, attacca esclusivamente il bulbo pilifero in fase di crescita, senza apportare alcun danno a nessun’altra struttura cutanea circostante. La luce laser prodotta ad alta energia, oltre i 60°, viene assorbita dalla melanina, il pigmento responsabile del colore del pelo, distruggendo il pelo dalla radice. La seduta è indolore, ma è normale comunque avvertire soltanto un leggero calore. Grazie a questo la depilazione laser può essere richiesta anche per zone più delicate come viso o inguine. Se si hanno dubbi che l’epilazione laser possa far male, prima del trattamento può essere applicare una crema anestetica.

1. Durata
Innanzi tutto, è necessario chiarire che l’espressione “depilazione laser definitiva” è fuorviante. Questo perché l’eliminazione dei peli non è totale al 100% e non dura per tutta la vita. La depilazione con il laser, pur assicurando una lunga a volte lunghissima durata, sicuramente più delle altre tecniche depilative, non può ritenersi definitiva. Infatti, la definizione fornita dall’autorità statunitense FDA descrive la depilazione laser come un metodo “progressivamente definitivo”.
Perché il risultato perduri il più a lungo possibile, è necessario sottoporsi a una o due sedute annuali di mantenimento. Questo, però, non esclude anche la necessità, almeno tre o quattro volte l’anno, di sottoporsi alla dolorosa ceretta per avere una pelle davvero senza peli superflui.

2. Efficacia
Non tutti i peli sono uguali. Infatti, il laser può trattare efficacemente solo i peli in crescita, nella cosiddetta fase anagen, ovvero quando si generano melanina e cheratina, che determinano rispettivamente colore e spessore. Inoltre, i risultati migliori vengono garantiti solo sui peli più scuri, di colore nero o castano. Per i peli biondi e rossi, al contrario, le speranze di successo, sono ridotte, se non addirittura nulle. Anche il colore della pelle incide molto sull’efficacia del trattamento: la depilazione laser funziona solo sulla pelle chiara; non su quella nera, meticcia o abbronzata. Tuttavia, sui peli di maggior diametro e densità è preferibile usare la depilazione laser a diodo, quasi del tutto privo di rischi e con un’efficacia ottimale.

3. Possibili controindicazioni
Come già detto all’inizio, sono poche le possibili controindicazioni della depilazione laser. Sicuramente, nelle ore immediatamente successive al trattamento di epilazione potranno presentarsi alcuni sintomi, come rossore e gonfiore delle zone trattate. Tutto ciò sarà una conseguenza del tutto normale se non persisterà anche nei giorni successivi.  Da non dimenticare che, per evitare il rischio di iperpigmentazione cutanea, il laser non va mai associato all’esposizione solare ravvicinata. Quindi, meglio concentrare le sedute nel periodo invernale, quando non si avrà il rischio di esporre la pelle ai raggi solari.

Trackback from your site.