Hennè: benefici, proprietà e capelli sempre curati e dai riflessi incantevoli.

Written by: admin Date of published: . Posted in News

 

Immagine correlata

Il modo più naturale per tingersi i capelli è quello di utilizzare il famoso henné. Oltre a dare splendidi riflessi e mantenere sano il capello, ha anche delle ottime proprietà curative per trattare la cute.
Il nome botanico del vero e proprio hennè è: Lawsonia inermis, deriva dal medico inglese John Lawson che la descrisse in un libro pubblicato a Londra nel 1709, mentre il termine inermis si riferisce al fatto che spesso la pianta è priva di spine.
Coltivata soprattutto in India, Tunisia, Egitto, Sudan, Arabia, Iran, Cina ed anche in Florida, questa pianta è originaria delle regioni calde subtropicali e degli altipiani dell’Africa centro-orientaoltre.
Il suo uso è molto antico, addirittura nelle tombe dei faraoni egizi sono state ritrovate polveri di
Hennè e mummie con le unghie colorate. Specie nei paesi di origine, l’Henné è utilizzata non solo per decorare mani e piedi con disegni rituali e propiziatori (cerimonie religiose musulmane), ma anche come rimedio esterno contro: infiammazioni, foruncoli, scottature, ematomi, forfora, herpes.

L’hennè è infatti conosciuto per le sue proprietà astringenti, antisettiche ed è un efficace tonico per la pelle.
Il suo potere colorante deriva dal principio attivo contenuto il lawsone o acido hennotannico contenuto nelle foglie delle piante coltivate da almeno 3 anni.
Più lawsone è contenuto e più l’henné ha potere colorante.

La qualità e la quantità di principio attivo dipende da:
– età delle foglie;
– periodo di raccolta;
– luogo di coltivazione.

Esistono anche altre piante oltre al Lawsonia inermis che miscelate regalano diverse sfumature di colore o servono solo per rinforzare e sanare i capelli.

Elenchiamo le principali:

Lawsonia inermis(henné): le foglie secche e polverizzate della Lawsonia vengono stemperate in acqua calda, in modo da ottenere una pappetta fluida che viene subito applicata sui capelli e lasciata agire da 30 minuti a un’ora, o anche di più se si vuole ottenere una colorazione più intensa, avendo l’accortezza di avvolgere la testa con una cuffietta di plastica o stagnola, per far sì che l’impacco non si asciughi, ciò che impedirebbe all’Hennè di esplicare in pieno la sua azione.
Questa preparazione può essere completata dall’aggiunta di un cucchiaio di aceto o limone all’impasto, subito prima dell’applicazione sui capelli, oppure da alcuni cucchiai di yogurt bianco intero se i capelli sono lunghi, ricciuti o secchi.

Cassia obovata: viene ricavata dalla pianta Cassia obovata (o cassia italica o senna italica). La Cassia ha proprietà astringenti e antibatteriche. Conferisce luminosità e morbidezza ai capelli, li rinforza, dà volume e li condiziona. Non va ad alterare il colore di partenza e per questo è anche conosciuta come hennè neutro perché apporta tutti i benefici dell’hennè senza però colorare.

Indigofera tinctoria (detto hennè nero): è un arbusto della famiglia delle Fabacee (o Leguminose). Dalla fermentazione delle sue foglie si ottiene l’indaco, colorante di origine vegetale.
Oltre alle sue rinomate proprietà tintorie l’indaco possiede anche proprietà benefiche per la cute.
In particolare viene utilizzato nel campo della cosmetica eco-bio per rendere il capello più spesso e lucente. Altra sua qualità è quella di riequilibrare il sebo e aiutare coloro che hanno problemi di forfora.
Miscelata con il Lawsonia può far ottenere riflessi mogano scuro.
Al naturale tinge di nero, ma non copre i capelli bianchi.

Chi ha invece la capigliatura con una piccola percentuale di capelli bianchi, può utilizzare l’hennè Lawsonia miscelato al mallo di noce o all’hennè nero (Indigofera sp.) in modo da ottenere un colore non troppo aranciato sui capelli bianchi, che assumeranno così una tonalità più calda con effetto simile alle mèches ramate, dal look gradevole e alla moda (occorre però effettuare applicazioni ravvicinate, ogni 10-15 giorni circa).

Hennè castano, o rame, o biondo: sono miscele di hennè con altre piante che conferiscono le varie sfumature come per esempio: Juglans regia (o il mallo di noce) per colori più scuri, Camomilla e Rheum Officinale (rabarbaro) per colori chiari, ramati, dorati e biondi.

Risultati immagini per hennè capelli

L’Hennè, al contrario delle tinture chimiche, non penetra all’interno del capello, ma si deposita e lega sulle squame della sua cuticola; si ha così un effetto “sostantivante”, cioè il diametro del capello aumenta leggermente, e la capigliatura diventa più voluminosa e resistente agli agenti esterni, oltre che più luminosa e dall’aspetto “sano”.
In tutti i casi, dopo l’applicazione dell’Hennè è necessario un accurato risciacquo e uno shampoo, per eliminare tutti i residui della polvere di Hennè. Inoltre è necessario proteggere le mani con guanti di gomma, per evitare che anch’esse si colorino, poiché la pelle contiene una sostanza, la cheratina, che è la stessa che troviamo nella struttura del capello.

Impacco_colori_henneCome preparare l’hennè:

Occorrente

  • ciotola non metallica (va bene in plastica, vetro o ceramica)
  • mestolo di legno
  • guanti di lattice
  • pellicola trasparente per alimenti
  • succo di limone o aceto
  • yogurt bianco
  • acqua calda
  • asciugamano scuro vecchio (i tessuti si macchiano a contatto con l’henné)
  • maglietta sacrificabile
  • miele (facoltativo)
  • cannella in polvere (facoltativo)
  • olio essenziale alla lavanda o rosmarino (facoltativo)
  • crema grassa (facoltativa)

Prima cosa: non fatevi spaventare dalla quantità degli ingredienti e dall’occorrente 🙂
Gli ingredienti segnalati come facoltativi servono per nutrire maggiormente i capelli (miele), attenuare l’odore dell’henné che non piace a tutti (cannella e oli essenziali), evitare di macchiare la pelle (crema grassa).
Una volta presa manualità gli ingredienti elencati diventano indispensabili in automatico.

Una volta procurati tutti gli ingredienti mischiateli tutti uno per volta partendo con il mischiare la polvere di hennè con l’acqua calda. dopo di che procedete all’applicazione come fosse una tintura, finite col l’alzare tutti i capelli in una crocchia e coprite il capo con abbondante pellicola in modo tale da non permettere al composto di colare. l’hennè più resta sui capelli e più agisce quindi si consiglia di lasciarlo agire dall’ una alle quattro ore, trascorso questo tempo lavate e risciacquate i capelli come se stesse facendo un normale shampoo facendo attenzione ad eliminare tutti i residui del composto. una volta asciutti i capelli già dalla prima applicazione risulteranno morbidi e lucenti.

Trackback from your site.