Capelli grassi : cause e rimedi

Written by: admin Date of published: . Posted in bellezza, benessere, cura del corpo, estetica, salute, scuola estetica

 

I capelli grassi si presentano unti e oleosi, hanno un aspetto translucido, sembrano sporchi e talvolta emanano cattivo odore proveniente dal cuoio capelluto. Al tatto e alla vista provocano una sensazione spiacevole che può mettere a disagio il diretto interessato e chi gli sta vicino. A seconda dei casi si accompagnano a cuoio capelluto grasso e presenza di ulteriori aree della pelle definibili come “seborroiche”, di solito: naso, fronte e mento. Foruncoli, pori dilatati e, nei casi estremi, acne, potrebbero essere ulteriori sintomi che, soprattutto nei giovani, si aggiungono alla presenza di capelli grassi.

A seconda della composizione del sebo e della ricettività della cute può formarsi della forfora grassa, scaglie biancastre o semi-giallastre di pelle morta (detriti cellulari). Inoltre bisogna aggiungere eventuali sensazioni di prurito e dolore al cuoio capelluto causati dalla qualità o dalla sovrabbondanza di sebo che occlude i follicoli ostacolando la crescita di capelli sani.

Come è noto la causa che rende la cute grassa e i capelli unti e oleosi è l’eccesso di sebo che attraverso i follicoli viene espulso sul cuoio capelluto ricoprendo anche il fusto dei capelli. In questo senso tutti i prodotti e trattamenti con effetti anti-seborroici o sebo-equilibranti vanno nella giusta direzione; ciò che fa la differenza è la qualità di questi rimedi e la loro specificità rispetto alle caratteristiche della cute e dei capelli trattati.
Quello dei capelli grassi e della cute dei capelli grassa è un problema molto diffuso come dimostrano le vendite di shampoo e prodotti anti-sebo. Spesso, però, questi rimedi si rivelano insufficienti, oppure finiscono per causare nuovi problemi, come nel caso di chi finisce, all’estremo opposto, con l’avere capelli secchi e aridi, cute secca e disidratata o, talvolta, persino forfora.

Cause capelli grassi
Individuare la causa dei capelli grassi equivale sostanzialmente a capire cosa provoca la seborrea. Sappiamo che le cause della produzione eccessiva di sebo vanno ricercate principalmente all’interno dell’organismo e dipendono dalla predisposizione genetica; tanto è vero che l’attività delle ghiandole sebacee è controllata a livello ormonale. Cause endogene (interne) e cause esogene (esterne) si possono combinare rendendo difficile la diagnosi. Schematicamente le cause dei capelli grassi si dividono in:
squilibri ormonali;disturbi digestivi,disturbi del ricambio (alimentazione),autointossicazione,stress e fattori nervosi.
Un altro fattore importante, da considerare come concausa dei capelli grassi, è l‘iperidrosi del cuoio capelluto, ovvero la sudorazione eccessiva della cute dei capelli. L’iperidrosi, infatti, è la principale responsabile della liquefazione del sebo, giacché l’acqua espulsa dalle ghiandole sudoripare si mescola al sebo rendendolo più oleoso.
È altresì vero che l’iperidrosi al cuoio capelluto non sempre si accompagna all’ipersecrezione sebacea, a volte si presenta da sola rischiando di essere confusa con la seborrea; ma se si fa attenzione ad alcuni elementi si può evitare l’errore:
la cute dei capelli è particolarmente umida ma non lucida;
la cute presenta un colore biancastro, ma di solito non è arrossata o irritata;
i capelli invece di essere grassi sono piuttosto secchi;
l’iperidrosi non si associa a pelle del viso grassa e cute untuosa.
Infine l’uso di shampoo anti-seborroici sbagliati, o altri prodotti sgrassanti troppo aggressivi, vanno inclusi tra le potenziali cause dei capelli grassi perché il loro utilizzo può indurre, a distanza di poche ore, una reazione cutanea di iper-produzione di sebo che aggrava il problema a cui si intendeva porre rimedio.

Alcune pratiche corrette per prendersi cura dei capelli unti consistono in:
aumentare la frequenza dei lavaggi (non più di uno al giorno nei casi più difficili) permette di liberare la cute da un eccesso di sebo facendo “respirare” i capelli e rendendo il cuoio capelluto meno grasso;
adoperare shampoo delicati ad azione sebo-equilibrante (derivati cisteinici, vitamine del gruppo B, Pantenolo, ecc.) per evitare di rimuovere troppo sebo dalla cute privandola della sua naturale protezione;
abbinare una maschera con effetto astringente e proprietà antisettiche per “asciugare” la cute e purificarla eliminando scorie e batteri;
evitare di asciugare i capelli a elevate temperature o avvicinando troppo il phon alla cute perché così facendo si fluidifica il sebo incrementandone la produzione

Trackback from your site.